Varoufakis per la dracma: il Sistema reprime

GRECIA.jpg2

Semmai ci fossero stati ancora dei dubbi su chi eserciti la sovranità negli Stati colonizzati dall’imperialismo finanziario mondialista, il caso Grexit e dell’ ex ministro dell’Economia ellenico Yanis Varoufakis risultano quanto mai emblematici: la volontà democratica del Popolo greco espressa con il Referendum dello scorso 6 luglio è stata completamente disillusa, raggirata…tradita, e colui che ebbe il coraggio di dire la verità a proposito dei crimini economici di cui il suo Popolo è vittima, così come fece in passato l’indimenticabile Thomas Sankara, viene ora addirittura accusato di alto tradimento!yanis-varoufakis-grexit-770x512

Varoufakis aveva in mente un progetto coerente e coindivisibile da chiunque abbia consapevolezza del fatto che l’attuale crisi è una truffa ordita da organizzazioni sovranazionali che vogliono instaurare un Unico Governo Mondiale. Esse si avvalgono del capitale finanziario, del debito e della moneta come armi di distruzione di massa attraverso le quali piegare al proprio volere i Governi nazionali che volessero opporsi resistendo alla corruzione, alla collusione e a minacce che, come riporta la storia, in taluni casi sono state certamente concretizzate.

tsMa chi sono i traditi e chi i traditori? Il Popolo greco, dopo aver rifiutato un piano di rientro da capestro di 11 miliardi, così come lo definì lo stesso Tsipras alla vigilia della chiamata alle urne, assiste ora ad uno scenario in cui il Premier greco, dopo aver realizzato un reimpasto di Governo stile “italian inciucio“, ha messo a disposizione della Troika quasi 13 miliardi. Avviene così che, mentre la situazione greca sembra prendere la piega di “normalità” imposta dalla dittatura finanziaria internazionale, grazie al via libera della Bce la Borsa di Atene attende solo un decreto per riaprire in settimana, e il Governo ha alzato il tetto dei prelievi in banca. I greci potranno prelevare da bancomat e sportelli 420 euro in tre giorni invece di una settimana.banca-grecia-fila-reuters-U10175353656DfB--258x258@IlSole24Ore-Web Intanto la Troika ricomincia a lavorare ad Atene con i capi-missione delle quattro istituzioni (Commissione Ue, Bce, Fmi, Esm), le loro squadre già sul posto stanno preparando il terreno per l’avvio dei negoziati di alto livello sul nuovo Memorandum che dovranno essere completati entro metà agosto per poter ottenere la prima tranche di aiuti entro il 20 agosto, quando ci sarà da rimborsare 3,4 miliardi alla Bce. Sono in corso anche i colloqui tra i rappresentanti delle banche greche e quelli della Bce, per scongiurare l’ipotesi che, in caso di ristrutturazioni, si proceda con un ampio ‘haircut’ sui depositi sopra i 100mila euro, come avvenuto a Cipro a marzo 2013 e come prevedono le nuove norme europee sul fallimento ‘ordinato’ degli istituti.greece_drachma.si_

Chi possiamo ritenere traditi se non il Popolo Greco e il sig. Yanis Varoufakis? Tradito è chi ha visto piegata la propria volontà democraticamente espressa e chi, dal medesimo Popolo era incaricato di pensare anche ad un legittimo ritorno alla sovranità monetaria greca, con il suo ‘piano B’ per il ritorno alla dracma, e si vede ora nella paradossale situazione di vedersela con la legge: la Corte Suprema ellenica ha trasmesso al Parlamento due cause intentate contro l’ex ministro per alto tradimento, e l’assemblea dovrà decidere se revocare o meno l’immunità all’ex ministro delle Finanze, ma ancora deputato di Syriza, in modo che possa affrontare un processo.

Noi Italiani assistiamo quotidianamente alle prevaricazioni sulla Legge da parte di una classe politica collusa e corrotta, capace di “salvare gli insalvabili” , e quanto avviene in Grecia al giorno d’oggi potrebbe rientrare nella “normalità di Sistema”, ma ritengo sia importante che una persona come Yanis Varoufakis venga sostenuta dal maggior numero di persone possibile.

 

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/28/grecia-atto-daccusa-contro-varoufakis-per-il-piano-b-alto-tradimento/1913333/

Fonte: http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/07/17/grecia-ok-ue-al-prestito-ponte.-tsipras-punta-al-rimpasto_ce7169f7-3c26-4057-a21c-31b7f2551bc4.html

“Grecia..referendum per la libertà”: http://informazioneinunclick.altervista.org/blog/grecia-referendum-per-la-liberta/

“Tsipras… la paura ha fatto 13”: http://informazioneinunclick.altervista.org/blog/tsipras-la-paura-ha-fatto-13/

Precedente Un cane per amico Successivo Un dopo

5 commenti su “Varoufakis per la dracma: il Sistema reprime

  1. Quello che ho letto e’ osceno. Yanis è un eroe che combatte contro l’ignoranza delle masse e il servilismo degli eletti che hanno accettato il compromesso imposto dalla Trojka.

    Il solo concetto di debito pubblico deve muovere I POPOLI – certamente non può muovere i maggiordomi della Federal Reserve – contro gli stampatori di foglietti colorati.

    L’Economia mondiale va tutta reinventata. il DENARO è uno strumento di misura del tempo di vita dei produttori. i padroni del denaro sono gli Stati dei popoli, NON la catena di stampatori. Una economia a debito non è concepibile per l’amministrazione pubblica.

I commenti sono chiusi.