USA – Cina: vittime dei mercati e pronte alla guerra.

l43-navi-130824135031_mediumGli Stati Uniti aumenteranno il proprio dispiegamento di forze nell’area del Pacifico Asiatico secondo una nuova strategia per contrastare l’espansione della Cina nel Mar Cinese Meridionale, questo secondo quanto affermato dall’esercito filippino lo scorso mercoledì.

Da fonti Reuters si apprende che l’Ammiraglio Harry Harris, a capo del Comando statunitense nel Pacifico, ha allestito il piano strategico per la sicurezza marittima nel Pacifico che, dopo l’approvazione del Pentagono, è stato consegnato al suo omologo filippino, Generale Hernando Iriberri, durante una visita a Manila.

A definire le azioni di Washington nel contestato Mar Cinese Meridionale e Mar Cinese Orientale, sarebbero i principi di tutela della “libertà dei mari”, presumendo di scoraggiare eventuali conflitti o atti di coercizione, e promuovendo l’adesione al diritto internazionale, questo secondo quanto riferito dal Colonnello Restituto Padilla, un portavoce militare.

La Cina rivendica la maggior parte del Mar Cinese Meridionale, ma Filippine, Vietnam, Malaysia, Taiwan e Brunei ritengono di poter vantare ulteriori Diritti.

Da una fonte militare presente all’ incontro tra Harris e Iriberri, l’agenzia Reuters avrebbe appreso che gli Stati Uniti e le Filippine avrebbero previsto un potenziamento totale delle Forze presenti nell’area contesa.
Già all’inizio di questa estate, le Filippine hanno dato vita ad esercitazioni militari separate dalle forze statunitensi e giapponesi in prossimità dell’arcipelago Spratly, area contesa nel Mar Cinese Meridionale.

Chinese dredging vessels are purportedly seen in the waters around Fiery Cross Reef in the disputed Spratly Islands in this still image from video taken by a P-8A Poseidon surveillance aircraft provided by the United States Navy on May 21, 2015.
Chinese dredging vessels are purportedly seen in the waters around Fiery Cross Reef in the disputed Spratly Islands in this still image from video taken by a P-8A Poseidon surveillance aircraft provided by the United States Navy on May 21, 2015.

Il Segretario alla Difesa filippino Voltaire Gazmin ha detto inoltre di aver richiesto all’ammiraglio Harris di approntare quanto necessario per aiutare a proteggere il trasporto di truppe e rifornimenti a quelli che si ritengono territori filippini occupati nel Mar Cinese Meridionale, utilizzando pattugliamenti dell’aviazione americana che scoraggino eventuali azioni di embargo cinesi, questo secondo quanto riferito dall’ Associated Press.

Fonte: http://sputniknews.com/us/20150826/1026236350.html

Dai Mercati Finanziari all’Oceano Pacifico, dalla guerra valutaria al conflitto Ucraino, dai pozzi siriani ai gasdotti eurasiatici, da un dispiegamento di Forze Armate all’altro, da un’esercitazione ad un conflitto reale quanto manca? (ndr)ColdwarLeggi anche: http://eskander.altervista.org/banche-centrali-corrotte-dal-nuovo-ordine-mondiale/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/dalla-cina-con-timore/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/usa-in-recessione-come-nel-2008-crisi-globale-imminente/

 

Precedente Grecia: reni spezzate senza Resistenza Successivo Le Donne del Sole contro l'Isis