Umanità in gabbia

rompere-la-gabbia-pdf-copertina-300dpiStiamo costruendo una gabbia con le nostre mani; una prigione in cui stiamo entrando con le nostre gambe, per chiuderne la serratura e gettare via la chiave. Questo stiamo facendo e ne siamo tutti responsabili. Il Nuovo Ordine Mondiale vuole imporre la propria dittatura finanziaria utilizzando il Debito, la Moneta e il Capitale come strumenti di dominio. Quando questi non si rivelano sufficienti, utilizzano armi ed eserciti.

Ogni epoca ha conosciuto i propri oppressi ed oppressori, tiranni e rivoluzionari, carnefici e martiri, ma mai prima d’ora vi sono stati tanti schiavi per un numero così esiguo di padroni: 67 persone possiedono la metà della ricchezza globale, e il debito mondiale complessivo è 54 volte superiore alla somma del Prodotto Interno Lordo di tutti gli Stati. Inviterei tutti a porsi molte domande di natura politica, sociale, religiosa ed etica che possano condurre ad una inconfutabile legittimazione di tali paradossi, che ci costringono a testimoniare alle pene quotidiane di intere popolazioni sempre più povere, mentre un ristrettissimo numero di persone accresce ricchezza e potere con la nostra colpevole complicità.

Le “ricette per la Liberazione” passano per l’autonomia energetica, alimentare e monetaria. Se si vuole fare la vera Rivoluzione in un Paese dominato da un Sistema criminogeno, si agisce concretamente ponendo termine a queste odiose campagne elettorali permanenti.

Alessandro Gallo

Precedente Troppo petrolio: lo "parcheggiano" in mare Successivo Ucraina verso l'autodistruzione