Siria: prosegue il doppio gioco americano

Doppio giogo USAIl ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno rifiutato di inviare a Mosca una delegazione militare di alto livello per discutere seriamente di una lotta coordinata in Siria, così come era stato proposto da parte di Mosca. Lavrov ha detto che. al momento, la proposta fatta dal presidente Putin durante la sua visita a New York di fine settembre deve essere ancora affrontata dal Congresso. L’idea prevedeva anche una seconda fase con l’invio negli USA di una delegazione russa guidata dal primo ministro Dmitry Medvedev, ma Washington ha fatto sapere che non riceverà la delegazione russa.

Lavrov ha detto che la Russia non ha ricevuto richieste di sostegno militare diretto da parte di paesi diversi dalla Siria, ma ogni eventuale richiesta sarà valutata dal presidente Vladimir Putin. Lavrov ha detto che la Russia sta seguendo da vicino anche le situazioni in Iraq, così come in Afghanistan, ma che finora solo la Siria ha fatto richiesta di un sostegno diretto.

AircraftCarrier2_0Nel frattempo, la Russia ha inviato in Siria la  Portaerei Kuznetzov, dimostrando come il Cremlino stia adottando una strategia “leggermente diversa” quando si tratta di lotta contro il terrorismo in Medio Oriente rispetto a quella adottata dagli Stati Uniti e i loro alleati regionali e occidentali. Come conseguenza della loro sottomissione a Washington, gli Stati fantoccio d’Europa sono invasi dai profughi prodotti dalle guerre che, insieme agli USA, hanno stupidamente permesso.

BasketballShoesNel frattempo, una domanda ricorrente nell’opinione pubblica americana degli ultimi tredici mesi è: “perché Washington non è stata in grado di sconfiggere l’ ISIS, nonostante disponga della forza aerea più avanzata del pianeta da contrapporre ad un’accozzaglia di militanti che scorrazzano nel deserto in scarpe da basket?“. La Russia ha in programma di poter dichiarare la vittoria sull’ ISIS entro poche settimane, la qual cosa sarebbe estremamente imbarazzante per Washington, in quanto dimostrerebbe che gli Stati Uniti non hanno mai veramente intrapreso uno sforzo onesto per liberare la Siria dai gruppi estremisti.

Fonte: http://english.cntv.cn/2015/10/14/VIDE1444821488401691.shtml

La strategia dell’America e dei suoi alleati è finalizzata semplicemente all’abbattimento di ogni sovranità nazionale che possa costituire ostacolo al progetto di Unico Governo Mondiale. (ndr)

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/putin-in-siria-russi-pronti-contro-tutti/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/assad-francesi-e-inglesi-violano-la-sovranita-siriana/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/putin-ha-messo-a-nudo-la-falsita-americana/

 

I commenti sono chiusi.