In manette gli aggressori all’economia cinese

zexiE’ recente la clamorosa notizia dell’arresto di Xu Xiang, il “Warren Buffett cinese”, classificato come il 188° uomo più ricco della Cina con $ 2,2 miliardi di patrimonio netto, in quello che possiamo considerare l’ultimo giro di vite contro “la speculazione finanziaria criminale”. Come riportato da Bloomberg, Domenica la polizia di Shanghai ha fatto irruzione presso la sede della “Zexi hedge found investments“, sequestrando computer e altri materiali, “nell’ultimo tentativo da parte delle autorità cinesi di stroncare le strategie finanziarie responsabili di 5 trilioni di dollari persi nel mercato azionario”.

Xiang_0– Nella foto vediamo Xu Xiang mentre viene preso in custodia dalla Polizia nell’ambito delle indagini sulla manipolazione del mercato –

Secondo il Financial Times, Xiang ” sarebbe stato l’ideatore della “Squadra di Kamikaze senza limiti”, un gruppo di gestori di fondi di investimento noti per la temerarietà delle proprie azioni speculative”. Egli era a capo di un gruppo di gestori di fondi che si azzardavano a spingere gli stock oltre il limite giornaliero del 10 per cento degli scambi cinesi.

I rendimenti dei Fondi gestiti dal Gruppo hanno superato il 60% in 4 casi su 5 durante il periodo compreso tra Giugno e Agosto, in corrispondenza delle gravissime perdite subite dalla Borsa di Shangai.  Come è logico supporre, questo sarà probabilmente solo il primo di una serie di questi “giri di vite” che il Governo cinese attuerà per difendere la propria economia dalla speculazione finanziaria..zexi_0

Mentre era in corso il raid nell’ufficio di Zexi, la polizia di Shanghai ha riferito di aver arrestato altre 3 persone indagate responsabili della manipolazione dei prezzi delle “futures” in un’operazione da 11,3 miliardi di yuan (1,8 miliardi di dollari).

Secondo il Shanghai Daily, la società commerciale Yishidun è stata scoperta nell’utilizzo di un software di trading illegale avente la funzione di destabilizzare il mercato e il profitto dei titoli ad alta volatilità. In altre parole, Yishidun era un operatore finanziario che faceva esattamente ciò che gli “HFT” fanno non solo in Cina ma in tutto il mondo: interventi sui mercati che si servono di sofisticati strumenti software, e a volte anche hardware, con i quali mettere in atto negoziazioni ad alta frequenza, guidate da algoritmi matematici, che agiscono su mercati di azioni, opzioni, obbligazioni, strumenti derivati, commodities. La durata di queste transazioni può essere brevissima, con posizioni di investimento che vengono tenute per periodi di tempo variabili, da poche ore fino a frazioni di secondo.HFT Reuters aggiunge che “l’azienda avrebbe utilizzato il software per comprare fino a 31 contratti futures in un secondo, riuscendo a conseguire dai primi di giugno ai primi di luglio un utile netto di oltre 500 milioni di yuan. Più dalla sorgente: Il software utilizza algoritmi complessi per analizzare i mercati e sono in grado di individuare le tendenze emergenti in una frazione di secondo. In sostanza, anticipando e battendo le tendenze per il mercato, questi operatori possono ottenere rendimenti positivi nel settore del commercio.  L’azienda ha fatto 8.110 offerte per un totale di 11,3 miliardi di yuan di fatturato, ottenendo un profitto totale di 2 miliardi di yuan dal 2012”.

Sulla base dei loro nomi, sembrerebbe che i fondatori della ditta HFT siano i russi, Georgy Zarya e Anton Murashov. Il duo invitò il direttore generale Gao Yan a prendere in prestito 31 conti individuali e aziendali per il commercio di azioni futures, con quasi 7 milioni di yuan di capitale. Come indicato dal Zarya, Gao inviò anche oltre 1 milione di yuan per Jin Wenxian, un supervisore tecnico di una società di vigilanza che ha contribuito a coprire le transazioni della Yishidun durante l’utilizzo del software. Gao, Jin e Liang Ze, un altro alto dirigente della Yishidun, sono stati arrestati, ma il caso è ancora sotto inchiesta.

Tuttavia, ogni volta che si verifica un crollo del mercato, non vi è obbiettivo più facile di un gruppo di dottori di ricerca matematica. Questo è già successo in Cina e accadrà anche negli Stati Uniti: pare infatti che i banchieri centrali non possano essere arrestati perché ritenuti “troppo grandi per la galera“, per questo motivo le crisi di mercato vengono fatte pagare ai popoli traditi dai propri governanti.

Fonte: http://www.zerohedge.com/news/2015-11-02/china-arrests-three-high-frequency-traders-destabilizing-market-and-profiting-volati

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/gli-intoccabili-criminali-di-wall-street/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/trenta-usurai-contro-i-popoli-della-terra/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/il-denaro-sara-proibito/

 

Precedente Trenta usurai contro i popoli della Terra Successivo Sesso con i robot: la società alienata si divide