Denaro contante…addio

banchieriCome ho più volte sottolineato, il graduale processo di eliminazione del denaro contante è giunto ad un punto cruciale: ai progetti legislativi “made in Usa” e quelli attuativi di paesi come l’India e la Corea del Sud, che hanno già scelto di limitare l’accesso al denaro fisico per legge, va sommata la consapevolezza che altri stiano cominciando a testare le “blockchains digitali” per le loro banche centrali. La guerra al contante non ha avuto certamente inizio la scorsa notte, ma quel che è certo è che proseguirà a domino in tutti quei paesi i cui cittadini ricorreranno a soluzioni alternative come i metalli preziosi o le cryptovalute decentrate.

La vera motivazione dell’eliminazione del denaro contante è decisamente sinistra.

  • le collusioni senza precedenti tra i governi e le banche centrali si sono ulteriormente consolidate dall’inizio della crisi del 2008, manifestandosi concretamente in azioni di salvataggio, nei tassi di interesse allo zero per cento e in manovre di quantitative easing su una scala mai vista prima nella storia. Tali decisioni, che sono state prese sotto costrizione e in incontri a porte chiuse, hanno preparato il terreno per questa inevitabile scomparsa della carta moneta.
  • L’instabilità delle monete nazionali si rendeva anch’essa necessaria per nascondere l’enorme bolla finanziaria globale e gli ammanchi di un’infinità di istituti di credito sparsi in tutto il mondo.

o.140158Burocrati e banchieri hanno guidato il sistema finanziario per renderlo così come lo conosciamo. La guerra alle valute è stata dichiarata, assicurando che il dollaro statunitense, l’euro, lo yen e tante altre valute statali fossero legate in un patto suicida. Stampare denaro senza sosta ed espandere il debito sono politiche che erodono il valore sottostante di ogni dollaro posseduto dalla gente, sia cartaceo o computato nei fondi digitali dei conti bancari. Questa nuova guerra opera nell’ombra dell’ignoranza del pubblico, minando lentamente la stabilità sociale ed economica attraverso l’inflazione e altre conseguenze di controllo centrale. Mentre la Federal Reserve conduce il resto delle banche centrali del mondo nella tana del coniglio, il vortice che si sta creando interesserà tutti nell’economia globalizzata.

Se volete un assaggio di come potrebbe evolversi la situazione, basterebbe guardare al Venezuela che, soprattutto a causa del crollo del prezzo del petrolio, sta assistendo alla caduta libera della propria valuta in un vortice inflazionistico, (per il quale va segnalato anche l’intervento degli Stati Uniti), che ha trascinato nella disperazione il paese, dove molte donne vendono anche i propri capelli per tirare avanti. Mentre i tassi di criminalità e omicidi hanno raggiunto i massimi storici, i soldi per cui lavorano e risparmiano i venezuelani sono così privi di valore che, per pagare le fatture, si rendono necessari zaini di denaro. Al fine di mantenere questo tipo di caos che si diffonderà come un contagio al resto del mondo, verrà suggerito ai dirigenti di “fare tutto il necessario per liberarci dalla preoccupazione di portare in giro carriole piene di denaro”. 

Alcune delle nostre poche speranze di uscire indenni da questa guerra contro la centralizzazione vengono riposte in tecnologie come il Bitcoin e l’ Ethereum. Queste piattaforme innovative hanno il potenziale per aprire i mercati che potrebbero aggirare i circuiti controllati dal probabile Organismo Centrale che verrà istituzionalizzato, e lo sviluppo futuro della cripto-moneta ha un potenziale enorme ma è praticamente certo che verranno fortemente boicottati. Personalmente, resto dell’idea secondo la quale gli stati nazionali dovrebbero riappropriarsi della sovranità monetaria, secondo il principio che solo le banche controllate dai cittadini, attraverso delle Istituzioni democraticamente legittimate, dovrebbero avere facoltà di emettere moneta. Questa mia posizione è basata sull’evidenza del fatto che le banche centrali stiano utilizzando le politiche valutarie per indebolire le sovranità nazionali e realizzare il progetto di una dittatura finanziaria globale. La libertà e il Diritto alla Vita dei Popoli sono subordinati al Debito e al denaro, che vengono utilizzati come strumenti di dominio e distruzione delle masse. world-domination

Quarant’anni fa sarebbe stato possibile salvare i vostri soldi in banca per accumulare interessi nel tempo, ma questa opportunità non esiste più. Coloro che non riusciranno ad adattarsi a questa nuova zona d’ombra finanziaria saranno probabilmente costretti a vivere come schiavi del debito per anni. Controllo e sicurezza sono due delle cose più importanti del sistema in cui viviamo. Una volta che queste ragnatele digitali verranno realizzate, la possibilità per un individuo di mantenere la privacy o l’anonimato saranno del tutto scomparse. Solo attraverso la comprensione delle azioni sovversive da intraprendere, le persone potranno proteggersi dal dover mettere il proprio futuro nelle mani di questi criminali.

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/grecia-banchieri-impongono-la-proibizione-del-denaro/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/il-denaro-sara-proibito/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/denaro-contante-liberta-ci-vogliono-togliere/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/unultima-crisi-per-una-schiavitu-globale/

Precedente Grecia: i banchieri impongono la proibizione del denaro Successivo La "verità americana"...una garanzia