Basi USA in Polonia: escalation degli armamenti

polonia1VARSAVIA – La Polonia si è impegnata a mettere a disposizione degli Stati Uniti i terreni e fabbricati della base della 32a Compagnia dell’aeronautica militare polacca nella città centrale di Lask, il centro di formazione delle Forze Terrestri nella città nord-occidentale di Drawsko Pomorskie, e tre complessi militari supplementari in tutta il nazione. “L’accordo può assumere la forma di dispiegamento di soldati e lo sfruttamento di immobili, attrezzature, forniture e materiali”, così ha riferito in un comunicato il portavoce del ministero Jacek Sonta.

Si erano già avute notizie in merito ad una base militare americana in fase di costruzione in uno dei siti elencati, in particolare nella città centro-settentrionale di Ciechanow. Il vice ministro della difesa polacco, in una lettera inviata al sindaco della città nel mese di agosto, descriveva le operazioni militari come parte di un accordo in vigore dal mese precedente.

Polish Prime Minister Donald Tusk (R) shakes hands with US President Barack Obama following a meeting in Warsaw, Poland, on June 3, 2014. Obama arrived for a two-day Polish visit, the first stop on a European trip, and will discuss the Ukraine crisis with his central and eastern European counterparts. AFP PHOTO / SAUL LOEB (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)
Polish Prime Minister Donald Tusk (R) shakes hands with US President Barack Obama following a meeting in Warsaw, Poland, on June 3, 2014. Obama arrived for a two-day Polish visit, the first stop on a European trip, and will discuss the Ukraine crisis with his central and eastern European counterparts. AFP PHOTO / SAUL LOEB (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

Il Presidente Barack Obama aveva annunciato di aver ottenuto garanzie europee per poter aumentare la presenza militare USA nel continente, annunciando uno stanziamento da 1 miliardo di dollari durante la sua visita in Polonia nel giugno 2014. Tale iniziativa consente agli Stati Uniti e alla NATO di aumentare i propri spiegamenti di forze e armamenti terrestri e navali in tutta Europa, tra cui la Polonia.
Tra i due Paesi vi era già un accordo militare (SOFA), a seguito del quale gli Stati Uniti insediarono una base militare temporanea vicino al confine con la Russia nel 2010, destinata a diventare permanente due anni più tardi.

La Polonia, insieme a cinque stati dell’Europa centrale e orientale, così come tre stati baltici, ha programmato a Bucarest, per i prossimi 3 e 4 Novembre, un vertice per richiedere una maggiore presenza della NATO nei loro paesi e, quindi. la creazione di basi militari permanenti.
Nel mese di giugno, gli Stati Uniti avevano promesso di costruire strutture di addestramento militare in sei paesi dell’Europa orientale, tra cui la Polonia, per facilitare il movimento delle truppe della NATO nella regione. L’espansione verso est della NATO arriva sullo sfondo di un deterioramento delle relazioni con la Russia per il referendum in Crimea e il conflitto ucraino. La Russia ha ripetutamente respinto le accuse di coinvolgimento attivo nella situazione Ucraina, e ha dichiarato che l’aumento delle attività della NATO vicino ai confini del paese mina la stabilità regionale e globale.

Fonte: http://sputniknews.com/europe/20151008/1028228651/poland-nato-base-politics.html

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/usa-nasconderanno-armamenti-in-ucraina/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/20-bombe-atomiche-usa-in-germania-reazione-russa/

Leggi anche: http://eskander.altervista.org/usa-in-recessione-come-nel-2008-crisi-globale-imminente/

Precedente TTIP: oltre 3 milioni di firme dicono NO Successivo Le vaccinazioni e l'invasione occidentale